Un titolo e l’incipit davvero accattivanti, insieme ad alcuni scivoloni. Note su una lettura estiva.

E’ nella liturgia che la Scrittura è maggiormente a casa propria (1).

L’introduzione massiccia della Scrittura nel Messale […] costituisce indubbiamente il rinnovamento più spettacolare di tutto ciò che il Concilio ha fatto per la liturgia.

Queste due espressioni, la seconda delle quali è una citazione di A. Nocent (2), si trovano nelle prime pagine di un saggio dal titolo intrigante.

SAMSUNG

Purtroppo dobbiamo segnalare già alcune imprecisioni, e neanche di poco conto: “Per tradurre in pratica le riforme liturgiche prescritte dalla costituzione, il concilio istituì nel gennaio 1964 una commissione denominata Consilium” (3). Non è proprio così: il Consilium, e la sua particolare struttura, fu una decisione di Paolo VI.

L’autore dice in verità di non volere presentare uno studio storico approfondito, e descrive in modo sintetico passaggi importanti e significativi; ma quell’errore è macroscopico. Siamo fiduciosi, tuttavia, che il proseguimento del libro riserverà annotazioni utili ed interessanti.

______

(1) N. Bonneau, Il Lezionario Domenicale. Origine struttura teologia, Bologna 2012, 7.

(2) cit. A. Nocent, «La parole de Dieu et Vatican II», in P. Jounel – R. Kaczynski – G. Pasqualetti (edd.), Liturgia, opera divina e umana. Studi sulla riforma liturgica offerti a S.E. mons. Annibale Bugnini in occasione del suo 70° compleanno, Roma 1982, 36.

(3) Bonneau, Il Lezionario…,36.

Annunci

Un pensiero su “Un titolo e l’incipit davvero accattivanti, insieme ad alcuni scivoloni. Note su una lettura estiva.

  1. Grazie per la segnalazione.
    Il libro è davvero interessante per conoscere, almeno sinteticamente, la formazione del Lezionario festivo e si legge senza grosse difficoltà.
    Molto utili le tabelle che segnalano anche le Letture “ereditate” dal Messale di Pio V.
    Qua e là s’incontra qualche imprecisione, probabilmente refusi (a pag. 129, sulle prime letture della II Domenica di Quaresima degli anni B e C), o errori di traduzione (a pag. 198, a proposito della coincidenza tra le domeniche e le solennità e le feste del Signore); un po’ di confusione, infine, nel breve passaggio sulla devozione al Nome di Gesù, la cui diffusione viene attribuita a san Bernardo da Chiaravalle, anziché a san Bernardino da Siena (pag. 153).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...